Tag Archives: miur

Progetto cyberbullismo MIUR (NOVITA’)

miur ok

Responsabili in classe e on-line: strategie per la prevenzione del cyberbullismo (NOVITA’)

AVVISO: 02/11/2017
Aperte le iscrizioni alla formazione di secondo livello nella provincia di Pordenone:
Con la conclusione della formazione di secondo livello svolta in collaborazione con il Garante dei diritti alla persona presso il palazzo della regione di Udine, si aprono le iscrizioni per la partecipazione alla formazione di secondo livello nella provincia di Pordenone. Per conoscere il programma degli incontri ed effettuare la registrazione cliccare sul seguente link: https://cyberbullismo-formazione-avanzata.eventbrite.it/


DESCRIZIONE PROGETTO:

Il progetto: “RESPONSABILI IN CLASSE E ON-LINE: strategie e percorsi per prevenire il bullismo e cyberbullismo a scuola” è un’iniziativa finanziata dal MIUR attraverso il bando sulla prevenzione del Cyberbullismo (Novembre 2016) sulla base di un progetto scritto in collaborazione tra l’Istituto Comprensivo di Gemona del Friuli  e l’Associazione M.E.C.

L’Istituto Comprensivo di Gemona, come previsto dal bando, ha assunto il ruolo di Polo delle provincie di Udine e Pordenone per la prevenzione del cyberbullismo, in coordinamento con l’Ufficio Scolastico Regionale, mentre l’Associazione M.E.C. cura il coordinamento scientifico del progetto.
L’obiettivo generale è sviluppare un piano di interventi di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto dei fenomeni di bullismo e del cyberbullismo, finalizzato a mettere a disposizione di tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado delle due provincie, informazioni e strumenti aggiornati sul tema specifico. Lo scopo è quello di orientare i minori ad un comportamento consapevole e responsabile nella gestione delle relazioni interpersonali e nell’utilizzo dei Social Media e della rete Internet in generale, in un’ottica di prevenzione del bullismo e del cyberbullismo, soprattutto alla luce della nuova legge sul Cyberbullismo.
Nello specifico, in coerenza con quanto prevedono le relative linee guida sul Cyberbullismo del MIUR  per la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo (Maggio 2015), il progetto intende raggiungere i seguenti obiettivi:

1. Raccogliere dati significativi sui comportamenti a rischio messi in atto dagli studenti nell’utilizzo di internet e dispositivi digitali, in collaborazione con l’ Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia (I.S.I.G.).
2. Sviluppare percorsi di formazione per gli insegnanti per garantire competenza, sostenibilità e replicabilità degli interventi educativi.
3. Realizzare attività di sensibilizzazione e formazione degli studenti sviluppando schede didattiche specifiche ad uso degli insegnanti, realizzando incontri con esperti e sviluppando percorsi di “peer education” e di promozione delle “life skills”.
4. Sperimentare strategie innovative e codificate per la gestione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo, basate sul modello della “giustizia riparativa”
5. Sperimentare metodi di monitoraggio e valutazione delle competenze in collaborazione con l’Associazione Media Educazione Comunità, l’Università di Udine e l’ Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia (I.S.I.G.).

Cronoprogramma generale delle attività  previste

fasi
Partner del progetto:
ISIG – Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia ,
Cooperativa CO.S.M.O.,
Polo Formativo Fvg.
 Per informazioni e chiarimenti è disponibile un servizio di supporto alla mail: responsabili.online@icgemona.gov.it.
e al n. 339 4285977 (orario 9:00-14:30)
 Nota: Il progetto è sviluppato in stretto contatto con il Garante dei Minori del FVG e con il “Coordinamento di attività per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo” istituito dalla Regione Friuli Venezia Giulia attraverso un protocollo firmato il 20 Giugno 2016 dal garante regionale dei diritti della persona, commissione regionale per le pari opportunità, Corecom FVG, Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia e Compartimento Polizia postale e delle Comunicazioni.

 

Quattro giorni sul Cyberbullismo a Pontedera (Pisa)

pontedera sito 1200x480

Quattro giornate con l’Associazione MEC in Toscana per ragionare intorno al fenomeno del Cyberbullismo a scuola. Un appuntamento dedicato a insegnanti e referenti delle scuole del territorio della Valdera, per avere non solo informazioni, ma anche e soprattutto strumenti e metodi didattici.

Dal 24 al 27 Gennaio a Pontedera prende il via questa iniziativa formativa, finanziata dall’Unione dei Comuni della Valdera attraverso il CRED Valdera, che parte delle Linee Guida del MIUR su questo specifico tema (Aprile 2015), e che chiedono alle scuole italiane di realizzare azioni specifiche di prevenzione di questo fenomeno. Gli insegnanti hanno esaurito in anticipo i posti disponibili per i laboratori didattici previsti, con una media di oltre 120 iscritti a giornata, a conferma dell’interesse specifico intorno a questo tema.

Il Cyberbullismo è un fenomeno collegato alla diffusione e presenza nella vita dei bambini e dei ragazzi degli smartphone e al conseguente e sempre più precoce utilizzo, da parte loro, della rete internet e dei Social Media. I laboratori proposti nelle prime tre giornate consentiranno agli insegnanti di sperimentare concretamente metodi e tecniche per avviare in classe attività didattiche di prevenzione sul Cyberbullismo: saranno presentate attività specifiche per diverse fasce di età (scuola primaria e secondaria), schede didattiche, giochi di ruolo, stimoli video e modalità di utilizzo. Verrà inoltre affrontato il tema delle procedure interne per la gestione e segnalazione dei casi di cyberbullismo e relativo aggiornamenti dei Regolamenti di Istituto, con una specifica attività rivolta ai referenti dei CTI e agli animatori digitali.

Il Convegno conclusivo, venerdì 27 Gennaio, offrirà un momento di approfondimento complessivo su questo tema e offrirà un quadro di riferimento aggiornato, anche grazie alla presenza di docenti dell’Università di Firenze che si dedicano al tema dell’educazione ai media e al rapporto didattica/digitale. Infine avranno uno spazio dedicato i genitori, con una serata dal titolo “Generazione Smartphone” che affronterà il tema della gestione educativa dei media digitali in famiglia.